mistakes-tears

Scorrevo la dashboard, piena di screen di whatsapp, persone che sperano di ricevere messaggi uguali, o ancora più belli.
Io sono dell’idea che le cose veramente belle, quelle che ti fanno tremare dalla meraviglia, sono quelle che non puoi condividere con gli altri. Quelle che non puoi dimostrare aver visto o sentito davvero. Quelle che non puoi fermare, non esiste uno screen, un fermo immagine, un qualsiasi tipo di registrazione. Perché durano un attimo, e quell’attimo puoi, anzi, devi, tenertelo per te, nasconderlo come un tesoro, non dare il permesso a nessuno di scavarci dentro.
Ad esempio, come posso registrare un ‘ti amo’ detto all’improvviso? Di quelli inaspettati, che magari stavate ridendo, ti chiama, e ‘ehi, ti amo’.
E avete mai fatto attenzione ai sorrisi veri? Al rumore che fanno gli angoli della bocca? Alle fossette che non esistono nelle foto, perché sono curve spontanee?
E ditemi, avete mai notato le persone che arrossiscono?
Mai vista una persona che piange di gioia?
Mai fatto caso a chi ama in silenzio, a chi ama di nascosto?
Non è meraviglioso il modo in cui per un attimo infinito si illuminano gli occhi di chi ama?
Dobbiamo smetterla di aspettare che ‘stia scrivendo’, dobbiamo aspettare il freddo dei cuori, e sciogliere i nodi che si formano.
Dobbiamo smetterla di credere alle parole dei messaggi ed iniziare a credere alle parole dell’iride degli occhi, alle parole dei silenzi assordanti, alle parole di chi grida mentre sorride senza fossette.
Sono queste le cose vere.
Quelle che passano.
Perché i messaggi di Whatsapp non ci salvano.
Il cuore che batte ci salva.
E che pompa sangue e amore in tutto il corpo.
Le cose che passano, le cose di un attimo, le cose piccole ed infinite sono quelle che ci mantengono vivi.

Wannabehereeternally

(via wannabehereeternally)

È meravigliosa, oddio

(via restanoibrividi)

Quanta verità, splendida davvero..

(via lageografiadicertisguardi)
restanomacerie
Dicono che durante la nostra vita abbiamo due grandi amori. Uno con il quale ti sposerai o vivrai per sempre, può essere il padre o la madre dei tuoi figli: con questa persona otterrai la massima comprensione per stare il resto della tua vita insieme.
E dicono che c’è un secondo grande amore, una persona che perderai per sempre. Qualcuno con cui sei nato collegato, così collegato, che le forze della chimica scappano dalla ragione e ti impediranno sempre di raggiungere un finale felice. Fino a che un giorno smetterai di provarci, ti arrenderai e cercherai un’altra persona che finirai per incontrare. Però ti assicuro che non passerà una sola notte senza aver bisogno di un altro suo bacio, o anche di discutere una volta in più. Tutti sanno di chi sto parlando, perché mentre stai leggendo queste righe, il suo nome ti è venuto in mente. Ti libererai di lui o di lei e smetterai di soffrire, finirai per incontrare la pace, però ti assicuro che non passerà un giorno in cui non desidererai che sia qui per disturbarti. Perché a volte si libera più energia discutendo con chi ami, che facendo l’amore con qualcuno che apprezzi.
Paulo Coelho, “El Zahir” (via occhirossicomeunbloodymary)